COMUNICAZIONE METAFORICA IN TERAPIA

Rispondi
b.lolli4544a
Messaggi: 28
Iscritto il: 17/02/2006, 0:00

COMUNICAZIONE METAFORICA IN TERAPIA

Messaggio da b.lolli4544a » 07/11/2020, 5:17

Destinatari dell'attività formativa: MEDICO CHIRURGO (tutte le discipline); PSICOLOGO (psicologia e psicoterapia);
ODONTOIATRA
Obiettivi formativi e Area formativa: Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna
professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica
Numero di partecipanti: 25
Ore formative: 12 Numero dei crediti assegnati: 12

PROGRAMMA

Relatori: Daniela Carissimi
15 Gennaio 2021
PRIMA SESSIONE (15:30 – 18:30)
La struttura del pensiero
Canali di comunicazione e loro collegamenti
Il linguaggio della metafora. Dalla fiaba, al mito, dal sogno all’arte. Come l’espressione di sé diventa terapia
Casi clinici
16 Gennaio 2021
SECONDA SESSIONE (9:30 – 12:30)
Il Simbolo dall’immagine al comportamento.
Presentazione dei temi e dei caratteri. Qual è il mio tema di questo momento?
Casi Clinici
TERZA SESSIONE (14:00 – 17:00)
Metafore applicate in terapia
Casi Clinici
17 Gennaio 2021
QUARTA SESSIONE (9:30 – 12:30)
Uso degli strumenti in Terapia
Casi Clinici
I partecipanti avranno 72 ore per completare la Verifica d’apprendimento, il Test della qualità percepita ed effettuare il
download dell’attestato ECM a partire dalle ore 12:30 del 17 Gennaio 2021.

Il corso ha la finalità di sviluppare strumenti di comunicazione efficace, che consentano di entrare più velocemente in sintonia
con i pazienti. Si svilupperanno i seguenti temi: Con quali canali comunichiamo. Il linguaggio dei simboli e delle metafore. Cosa
ci narrano di noi, come usarli nelle metafore terapeutiche. Comprendere in che modo i simboli narrati accompagnano o
dirigono tra le storie della Vita. Svelare quali immagini, a nostra insaputa, agiscono e si esprimono in noi, quali possono essere
gli ostacoli che ci sfuggono e come riconoscere gli aiuti che possiamo usare. Come usare il lavoro con la Metafora in Terapia, a
quali pazienti indirizzarlo, quali immagini cogliere e come svilupparle.
Rispondi