Altri Eventi

IL TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO PERINATALE

Mercoledi 28 Settembre 2022 Ore 8:30-17

Per facilitare la programmazione delle attività di formazione si anticipa che mercoledì 28 settembre 2022 si terrà il convegno della Regione Emilia-Romagna sul Trattamento del Disagio Psichico Perinatale, accreditato ECM e con iscrizione gratuita.
Nei prossimi mesi sarà disponibile il programma definitivo con le modalità per l’iscrizione.

Presentazione del progetto realizzato con il supporto finanziario del Ministero della Salute - CCM
La nascita di un bambino è universalmente riconosciuta come un evento naturale e, di conseguenza, è frequente pensare che possa coincidere con un periodo di relativo benessere per la donna. Tuttavia, risulta sempre più rilevante la presenza di disagio psichico durante il periodo perinatale. La gravidanza determina cambiamenti biologici, psicologici e sociali: può essere considerata al pari di un agente eziologico che predispone disturbi psichici in soggetti vulnerabili, così come un elemento favorente condizioni di scompenso psicopatologico in donne già affette da patologia psichiatrica. Un disturbo psichico in gravidanza e nel post-partum, oltre alle evidenti conseguenze sul benessere della donna, può avere un impatto negativo anche sulla salute psicofisica del/della bambino/a e degli altri famigliari. Spesso le donne non comunicano il loro disagio per scarsa informazione o per il timore dello stigma che si associa alla malattia mentale.
Questo seminario si pone l’obiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze teoriche e pratiche relative al riconoscimento di un eventuale disagio psicologico della donna nel periodo perinatale, con particolare focus sulla diagnosi e sull'eventuale trattamento farmacologico/psicoterapico dei principali disturbi psichiatrici.
Il progetto regionale “Misure afferenti alla diagnosi, cura e assistenza della sindrome depressiva post partum” ha come obiettivo quello di promuovere, nel corso dell’intero periodo perinatale, l’attenzione al disagio psichico materno, per favorirne il precoce riconoscimento da parte della rete dei servizi e la presa in carico. Il progetto coinvolge tutte le Aziende USL della Regione Emilia-Romagna, e in particolare Consultori Familiari, Punti Nascita, Centri di Salute Mentale, Servizi Sociali, Centri per le Famiglie, SerDP, Medici di Medicina Generale e Pediatri di libera scelta.