FAQ sulle vaccinazioni Covid19

Ultimo aggiornamento 24.02.2021

Sì, lunedì 15 febbraio la Regione Emilia-Romagna ha inserito nel piano vaccinale le psicologhe e gli psicologi che hanno inviato la loro adesione entro l’11 febbraio attraverso uno specifico modulo predisposto dal nostro Ordine. I nominativi sono stati trasmessi alle strutture sanitarie competenti che organizzeranno la campagna vaccinale e contatteranno i professionisti per la somministrazione del vaccino. Le comunicazioni del giorno di vaccinazione e l’esecuzione della stessa sono a carico delle autorità sanitarie e non saranno gestite in alcun modo dall’Ordine, che ha il solo compito di raccogliere le adesioni dei professionisti interessati.
A seguito delle nostre richieste, la Regione ha comunicato che le vaccinazioni dei liberi professionisti di tutti gli ordini sanitari saranno programmate a completamento della somministrazione dei vaccini alla popolazione degli operatori sanitari e sociosanitari in prima linea ed over 80 attualmente in corso. Abbiamo inoltre inviato una lettere alle ASL territoriali per avere informazioni più precise sulle tempistiche. Ricordiamo che l’organizzazione delle vaccinazioni è in capo esclusivamente alle autorità sanitarie e che l’Ordine ha il solo compito di raccogliere le adesioni dei professionisti interessati.
L’Ordine non è a conoscenza del tipo di vaccino che verrà somministrato, in quanto ogni Azienda Usl si sta organizzando in base alle disponibilità e ai diversi protocolli in continuo cambiamento relativamente alle evidenze scientifiche. Ricordiamo che l’organizzazione delle vaccinazioni è in capo esclusivamente alla Regione e alle singole Ausl territoriali.
La questione è in effetti complessa e coinvolge molti Iscritti di tutta Italia per i quali l’Ordine Nazionale ha già chiesto indicazioni al Ministero della Salute. Al momento gli iscritti all’Ordine residenti in altre Regioni non sono inclusi nel piano vaccinale dell’Emilia-Romagna. Se sei residente fuori Regione e hai già compilato il modulo di adesione, trasmetteremo i tuoi dati all’Ordine degli Psicologi della tua Regione di residenza.
Abbiamo inviato alla Regione un primo elenco di professionisti residenti in Emilia-Romagna in data 15 febbraio scorso.
Contestualmente abbiamo richiesto alla Sanità Regionale di poter valutare anche eventuali altre aperture e nuove prenotazioni per chi non fosse riuscito a compilare il modulo di adesione nei tempi previsti (11/02/2021 per gli iscritti all’Albo dell’Emilia-Romagna, 15/02/2021 per gli appartenenti ad altri Albi) e per i nuovi iscritti all’Albo.
Non appena la Regione ci fornirà ufficialmente indicazioni, le condivideremo prontamente tramite newsletter, sito e canali social dell’Ordine.
La gestione delle somministrazioni vaccinali è in capo ai singoli Enti regionali. E’ la Regione che predispone un piano di vaccinazioni regionali e definisce i soggetti che hanno la priorità per il vaccino anche in base al “Piano Strategico per la Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19” elaborato dal Ministero della Salute. In alcune regioni italiane è già stata data la possibilità agli psicologi liberi professionisti di vaccinarsi. Come Ordine professionale, anche in sinergia con i rappresentanti di altre professioni sanitarie, stiamo costantemente sollecitando piena attenzione alla tutela della salute dei professionisti.
L’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna fin da subito si è attivato attraverso diversi canali istituzionali e informali per cercare di inserire gli psicologi nel piano di vaccinazione regionale. Occorre sottolineare che l’Ordine non decide le priorità vaccinali e non ha il potere di somministrare vaccini. Le istituzioni sono state sollecitate ripetutamente, e lo scorso 8 gennaio il presidente dell’Ordine Gabriele Raimondi ha inviato una lettera formale alla Regione chiedendo risposte. E’ poi stato inviato un comunicato stampa per sottolineare le richieste dei professionisti, e venerdì 22 gennaio si è tenuto un incontro con l’Assessorato regionale alle Politiche per la Salute. La Regione tramite il CUP Emilia-Romagna ci ha infine richiesto i nominativi dei professionisti che intendono sottoporsi alla somministrazione del vaccino che sono stati inviati il 15 febbraio. Martedì 23 febbraio il presidente ha inviato una lettera alle Ausl territoriali per avere informazioni più precise sulle tempistiche di vaccinazione. Per una cronistoria del nostro impegno e per tutti gli aggiornamenti, puoi fare riferimento a questa news https://www.ordinepsicologier.it/it/notizie/336
A fine dicembre dello scorso anno, l’Azienda USL di Bologna ha invitato tutti i rappresentanti delle professioni sanitarie, fra cui anche il Presidente dell’Ordine degli Psicologi Gabriele Raimondi, ad una iniziativa pubblica per promuovere la vaccinazione. Tutti i rappresentanti degli Ordini sono stati vaccinati.
L’adesione aveva l’obiettivo di promuovere in modo sinergico una maggiore attenzione a tutti i liberi professionisti delle diverse professioni sanitarie, ovviamente compresi gli psicologi. Da quel giorno, il contatto con la Regione affinché tutta la categoria fosse inclusa nel piano vaccinale è stato costante. Una breve cronistoria di come ci siamo attivati si può trovare qui https://www.ordinepsicologier.it/it/notizie/336
Ad oggi anche altri Ordini professionali della nostra regione si ritrovano nella stessa situazione dentro una grande eterogeneità tra le diverse Aziende Usl che rischia di essere ulteriormente discriminatoria tra chi ha un'opportunità di vaccinazione e chi no.
Al momento non è intenzione del Governo disporre l'obbligatorietà della vaccinazione per nessun cittadino.